Archivio mensile:dicembre 2011

Ode alla Torta della Va

Oh! Torta eccezionale!
Il gusto tuo purissimo
Mi mette in spalla l’ale!

Con te volo tra le nuvole …
Fra cirri dolci e morbidissimi
M’avviluppo! Mi tuffo e m’abbuffo!

Torno
Piano
Col peso sulla terra …
Ah no! No, no! È troppo presto! È troppo poco!
Un’altra fetta! Presto! Un’altra fetta!
Il palato non aspetta!
La bava dalla bocchia
Mi scende alle ginocchia!!

E finalmente ecco un nuovo morso!
Un altro ancora …
Gli Angeli, i Santi e la Madre Superiora!!

Che sogno! Che meraviglia!
Tutto m’abbaglia!

Oh torta straordinaria …

te lo devo confessare …
Stanotte
Tu m hai fatto innamorare!

Contrassegnato da tag , ,

Il Tombolone

Contrassegnato da tag ,

Che futuro è adesso?

Gli uomini scenderanno in guerra contro una rivolta di vermi resi giganti dall’uso di insetticidi e veleni. Per vincere la minaccia, modificheranno il loro dna creando uomini giganti e fortissimi. Vinta la battaglia. Ricacciati i vermi in un loro territorio, tornata la calma, i superuomini si accorgeranno, pensando alla loro forza, che sarà più facile ribaltare il tavolo della discussione per ottenere quello che vogliono. Così faranno, riducendo in schiavitù gli altri uomini più deboli.

Alcuni riusciranno però a scappare e si alleeranno con i vermi giganti stringendo un patto in caso di vittoria: rispetto reciproco e spartizione dei territori. La guerra durerà molti e molti anni. La convivenza tra le due specie si farà sempre più naturale. Un verme si innamorerà di un uomo o di una donna e verrà ricambiato.

Nasceranno in qualche modo uomini con falli enormi e donne capaci di impietrire con lo sguardo. Le donne andranno in battaglia e pietrificheranno i nemici. Si instaurerà una società moderatamente femminista dove gli uomini saranno liberi di fare ciò che vogliono, purchè rimangano nudi fino ai quarant’anni. E le donne faranno crollare la scienza come la conosciamo oggi.

Contrassegnato da tag , , ,

Circo

 “L’ Elefante che ha paura di tuffarsi”      “La Fune”

 “La Volpe”      “Padre di Famiglia”

Contrassegnato da tag , , , ,

Tooth Fairy

The tooth fairy has a strange light in her eyes this morning. Her dress is quite different from the one I remembered, the hair is shorter and her lipstick colour deeper and more, much more sensual. “she must have met a man” (or a fairy man) I think. She keeps a hand in the right pocket of her coat and she’s entering a house. She breaks a window at the groundfloor somewhere in Amsterdam, Holland … waits a while without breathing and opens the way in with a soft “whish” … jumps in and disappears.

As usual, at this hour, I’m havin’ a coffee and a cigarette on the roof of Mr. Van Vermeer’s house. Last sip of my dirty water, last breath of my dirty air, two wings shots and I’m fluctuating right in front of the children’s room. Then it happens: the tooth fairy steps in through a half opened silent door. She slides till one of the two beds, bends gently on the child, slips a hand under the pillow and takes a small, white, beautiful tooth out. She puts it in her teeth bag, turns 180° (door direction) and … she doesn’t leave any money.

“She didn’t leave any money” i think, “she didn’t give any …” “Hey you didn’t pay for my tooth!” the child is not sleeping anymore, probably woken by my thoughts (don’t forget I’m an angel). Smooth, round, flesh made face the child. Sharp, hard, stone made expression the fairy.

A quick bad look she throws me through the window, immediately followed by angry Mr. Bullet, shot out from sleepy Miss Gun who had just jumped out from the famous right pocket of the bloody famous coat. Steel in my right wing smashes me down on a hard cold ground. I can hear the fairy shoutin’ at the children:”shut up you wretched rats or I’ll make you not be able to spell a sigh more … shut up!!” She must have jumped through the window then, ‘cause I feel small glass fragments raining down on me and I dream of a dark shadow flying over me.

The children are screaming. Mr. Van Vermeer is going to work … “6:30”, I think. The district is frozen, clear the sky lightened from his very east early side. I remember the words by a french writer: “children are burks … as angels are” …

I agree.

Contrassegnato da tag , ,

Missione

L’uomo del divano dichiarò fallita                                                                                                 la missione e tornò sui suoi passi                                                                                                 bevendo la sigaretta con un tiro da campione.

Il cuoco berciava                                                                                                                         e il cane lo guardava con sospetto.                                                                                         Mario nevicava, prese i baffi ed uscì a far legna.

Ma il bosco era finito.                                                                                                             Tornarono a valle il giorno seguente                                                                                             senza aver trovato la definizione.

Contrassegnato da tag ,